Misurazione, raccolta dati, miglioramento …..e sei OK!

Quante volte ci siamo chiesti “Ho un obiettivo: come lo raggiungo?”

Leggendo un articolo di Ryan E. Day sull’importanza della misurazione, il nostro pensiero è andato subito alla ISO9004:2009, la linea guida per condurre le organizzazioni verso il successo durevole. Al punto 8, infatti, si afferma che per raggiungere gli obiettivi prefissati ed ottenere dei miglioramenti, è necessario definire un “processo di misurazione ed analisi”.

“”Non puoi migliorare ciò che non sai misurare” – E. Deming (1900 – 1993)”.

Giustamente, la norma evidenzia la necessità di utilizzare degli indicatori chiave di prestazione (KPI) come base per le attività decisionali. Questi indicatori permettono di elaborare le informazioni necessarie per valutare le prestazioni e l’efficacia di ciascun processo decisionale; essi possono essere ricavati da qualsiasi grandezza relativa al fenomeno osservato e che si intenda migliorare (es. durata, numerosità, frequenza, intensità, dimensione, peso, ecc.).

Ma per arrivare a questo “stadio” serve un punto di partenza: il sistema di raccolta dati. Senza di esso il dato, o informazione, rimane “isolato”, ovvero non correlato ad altri dati, non analizzato, ignorato. Senza un sistema di raccolta e condivisione dei dati, in sostanza, si vanifica lo sforzo ed il costo della misurazione!

Molti software database fungono ottimamente allo scopo: tali strumenti vengono anche definiti EQMS (Enterprise Quality Management Software). Quanti di voi utilizzano i fogli di calcolo per memorizzare delle liste di dati o anche semplicemente una rubrica?!? Questi programmi sono nati per facilitare la raccolta e l’analisi delle informazioni che vengono immesse: i migliori si distinguono per la predisposizione all’adattamento ai processi aziendali e l’orientamento alla condivisione snella dei dati.

La conoscenza è un lento processo continuo di raccolta, analisi ed interpretazione dei dati derivanti dalla sperimentazione.
La direzione dell’organizzazione deve sapere come raccogliere, analizzare, interpretare ed applicare i dati che derivano dalla sperimentazione e, quindi, prediligere investimenti in tal senso.

A presto!

Condividi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
0
  Articoli correlati

Aggiungi un commento