La comunicazione nell’era della VISUAL FACTORY

La comunicazione è un ingrediente essenziale per la costruzione di una “squadra”, perché solo collaboratori informati possono diventare persone “speciali” che lavorano con motivazione, responsabilità ed autonomia.

In generale siamo portati a credere che le informazioni circolino da sole, che il passaparola possa sostituire un veloce briefing fra colleghi (così si risparmia tempo), che sia sufficiente la rete intranet o la bacheca aziendale per comunicare le decisioni strategiche sulle quali l’organizzazione si sta giocando il proprio futuro…….

Capita invece, nel corso di semplici interviste di audit, di trovare assoluto disallineamento o ignoranza circa politiche e fatti, quasi si trattasse di riferire proprie personali opinioni piuttosto che il pensiero del vertice aziendale, e questo accade persino nelle organizzazioni migliori.

I processi di comunicazione infatti non vengono presidiati come si dovrebbe, definendone finalità, contenuti, strumenti/canali, destinatari, ecc.

Ecco allora che fra gli strumenti “lean” ci viene in aiuto il Visual Management, una raccolta di strumenti che, letteralmente, consentono a tutti di avere sotto gli occhi le informazioni più importanti, di sviluppare una “visione dall’alto”, di controllare dove stiamo andando e come ci stiamo andando.

Promemoria

Fonte immagine: www.xqa.com.ar

Lo strumento più utilizzato è la lavagna: appesa alle pareti o posizionata su trespoli mobili, ricavata da vecchie bacheche o realizzata su display a led colorati, posizionata nei reparti produttivi o nelle aree di pausa, l’importante è che contenga le informazioni essenziali per dare “visione” a tutti i collaboratori sui seguenti aspetti:

  • Key Performance Indicators
  • Focus su obiettivi di miglioramento
  • Idee “Kaizen” per il miglioramento
  • Problem solving (A3)
  • Planning di attività (es. azioni di addestramento e/o sviluppo competenze, azioni di auditing, ecc.)
  • Istruzioni e standard operativi (foto, flow-chart, info-grafiche, ecc.)

La condivisione di opportune informazioni tramite l’uso delle “lavagne”, purché le informazioni siano finalizzate alla strategia dell’organizzazione e non siano sterili proclami o dati obsoleti, coinvolge tutti e spinge all’azione!

In questo modo un GRUPPO diventa SQUADRA!

 

A presto!

 

 

Condividi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
0
  Articoli correlati

Aggiungi un commento