IL SISTEMA QUALITÀ E LA CULTURA AZIENDALE

Quando un consulente si appresta a sviluppare un nuovo Sistema di Gestione della Qualità, la prima cosa che deve individuare ed analizzare non sono i processi, né il prodotto/servizio, né il mercato cui l’azienda si rivolge, ma la sua cultura aziendale.

Quella che potrebbe sembrare un’affermazione azzardata, più consona all’operato di uno psicologo del lavoro che ad un “consulente ISO 9001”, nasconde – in realtà – la chiave di lettura per risultare efficaci, qualunque sia la tematica di cui ci si sta occupando in azienda.

La cultura aziendale è un insieme di atteggiamenti, stereotipi, comportamenti e sentimenti, inventati, scoperti o sviluppati dalle persone di riferimento dell’azienda stessa, quando – stando insieme – imparano ad affrontare i problemi di integrazione fra loro o di adattamento con il mondo esterno.

Quando l’insieme di quegli atteggiamenti, comportamenti e sentimenti si rivela funzionale da essere considerato valido e, quindi, indicato a quanti entrano nell’organizzazione come il modo corretto di percepire, pensare e sentire, ecco che si è creata una ben definita cultura aziendale.

Il consulente competente non può, e non deve, prescindere da tutto questo e deve approcciare l’organizzazione con uno stile relazionale adeguato.

Non ci sono “ricette” disponibili per evitare errori, ma possiamo elencare degli indicatori cui prestare sicuramente più attenzione che ad altri:
– comportamenti usati regolarmente quando le persone interagiscono (ad es. il linguaggio, l’abbigliamento, i tempi e i modi della comunicazione formale ed informale)
– le regole, scritte e non scritte, come le abitudini ormai consolidate (ad es. ricorrenze)
– i valori dominanti che guidano la politica aziendale nei confronti di dipendenti o clienti
– le regole del gioco da rispettare per rimanere all’interno dell’organizzazione
– la sensazione che l’organizzazione comunica tramite le modalità d’interazione tra i membri e/o con esterni (es. distacco, formalità, empatia, etc.)
– la sensazione che l’organizzazione comunica tramite l’ambiente di lavoro, i suoi spazi, la sua disposizione, l’arredamento, l’ordine, etc.
– gli argomenti tabù
– la storia dell’azienda e, spesso, dei suoi “padri fondatori”.

Dall’attenta osservazione di questi indicatori parte il lavoro di “costruzione su misura” che deve saper fare il consulente per adeguare il Sistema di Gestione della Qualità al contesto.

I consulenti frettolosi, che in breve termine mettono in piedi processi e procedure, trasferendo passivamente documenti standard senza cogliere questi elementi culturali, non solo non fanno un buon lavoro, ma contravvengono a ciò che la stessa ISO 9001, nella nuova edizione 2015, chiede di fare a tutte le organizzazioni che vogliono mantenere “viva” la propria certificazione: analizzare il contesto in cui si opera quotidianamente.

Condividi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
0
  Articoli correlati

Aggiungi un commento