Come escludere la responsabilità penale nel Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro?

Molte aziende hanno la forte convinzione che adeguandosi alle norme UNI-INAIL riguardanti la sicurezza sul lavoro o certificandosi OHSAS 18001 siano in una botte di ferro per quanto riguarda il rischio della responsabilità penale in materia.

Non è così!

La parola chiave è “Asseverazione“. Il termine (introdotto nel D.Lgs. 81/08 dal D.Lgs. 106/09) significa che:

…l’impresa a cui è stata rilasciata l’Asseverazione è garantita dalla veridicità della adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza di cui all’ Art. 30 del D.Lgs 81/08

Perché le Linee Guida UNI-INAIL e la OHSAS 18001 non possono considerarsi Modelli organizzativi per la Sicurezza a tutti gli effetti?
Perché non adempiono a tutti gli obblighi giuridici espressi dall’ Art. 30 comma 1 del D.Lgs 81/08 (dalla lettera a alla h).

Come da Lettera circolare del 11/07/2011 prot. 15/VI /0015816/ MA001.A001 si dichiara che

“…l’unica parte non corrispondente tra le Linee Guida UNI – INAIL, le BS OHSAS 18001:2007 e quanto richiesto all’art. 30 del D.Lgs. n. 81/2008, è l’adozione di un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.”

In conclusione, riassumiamo i vantaggi dell’Asseverazione:

Essere in linea con i requisiti di legge applicabili

Aver efficacia esimente, quindi esclusione della responsabilità penale, della responsabilità amministrativa delle società

Riduzione della probabilità di controlli da parte degli enti di vigilanza (D.Lgs. 106/09)

Ottenimento dello sconto del premio INAIL

Miglior immagine sull’impegno per la sicurezza verso il mondo esterno

Assoluzione dell’obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite (Art. 16 comma 3 D.Lgs.106/09 e Art. 30 comma 4 D.Lgs. 81/08)

 

A presto!

Condividi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
0
  Articoli correlati

Aggiungi un commento